Get Social With Us
Acufeni, cosa fare?
20362
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-20362,page-child,parent-pageid-20169,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
ACUFENI: UN AIUTO PER NON SENTIRLI PIÙ.

Milioni di persone ne soffrono e si ignorano ancora le cause, ma gli apparecchi acustici riescono a ridurli o eliminarli.

Fischi, ronzii, fruscii, sibili…. In una parola, acufeni. Colpiscono circa il 10-14% della popolazione mondiale e, nelle forme più gravi, interferiscono con la qualità della vita.
Forse originati da un insieme di fattori (perdita uditiva, esposizione a forti rumori, stress, farmaci ototossici, ipersensibilità, traumi, diabete…), gli acufeni possono venire “mascherati” utilizzando dei suoni particolari che creano una sorta di “illusione acustica”: riducono di molto l’intensità dell’acufene o addirittura in alcuni casi lo eliminano.

Gli apparecchi mascherano l’acufene

L’ “illusione acustica” si può ottenere generando, tramite un apparecchio acustico o un generatore di suoni, un rumore simile al suono dell’acufene. Nelle persone ipoudenti, il risultato è quasi sempre positivo, perché l’effetto di mascheramento si ottiene semplicemente correggendo la perdita uditiva: l’amplificazione dell’apparecchio acustico nella zona interessata dall’acufene risulta sufficiente a nasconderlo.
Dopo un breve periodo, anche il suono utilizzato come mascheratore non viene più percepito.

acufeni_03
acufeni_02