Get Social With Us
Audiolibri, che successo - Linear Apparecchi acustici
23338
post-template-default,single,single-post,postid-23338,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Audiolibri, che successo

Gli audiolibri, classici o novità, spesso letti da personaggi famosi, sono un genere in crescita in Italia già da alcuni anni, ma l’isolamento forzato per il Sars-Cov-2 ha dato un’ulteriore spinta alla loro diffusione. Secondo una ricerca Nielsen/Aie, citata in un articolo sull’argomento del settimanale “L’Espresso”, gli italiani che dichiaravano di aver ascoltato almeno un contenuto audio (audiolibro o podcast) sono passati da 3 milioni nel 2017 a 5 milioni nel 2018-2019. Entro il 2020 potrebbero diventare 7 milioni. Si tratta soprattutto di donne (60 per cento) di età compresa fra 26 e 54 anni. I generi più gettonati sono gialli e classici. Il 20 per cento dei lettori in genere non sfoglia neanche un libro all’anno, quindi l’audiolibro è un’occasione per accostarsi alla letteratura. L’arrivo della pandemia ha aumentato la richiesta. Gli editori del gruppo GeMS hanno registrato un aumento del 50 per cento, Bompiani di oltre il 20 per cento, mentre altri editori stanno lanciando nuove collane.