Get Social With Us
Il cadmio nuoce alle orecchie - Linear Apparecchi acustici
23803
post-template-default,single,single-post,postid-23803,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Il cadmio nuoce alle orecchie

Uno studio coreano, condotto su 6.409 persone di età pari o superiore a 20 anni, ha stabilito la correlazione tra concentrazione di metalli pesanti (in particolare cadmio) nel sangue e disturbi all’udito. Lo studio ha preso in esame i risultati di un sondaggio nazionale su salute e nutrizione (2010-2013) ed è stato pubblicato recentemente su “Yeungnam University Journal of Medicine”. Il cadmio è un metallo che viene estratto durante la produzione di rame, piombo e zinco; si trova in alcuni alimenti e viene emesso utilizzando combustibili fossili (carbone, petrolio), fumando sigarette e bruciando rifiuti.

L’associazione tra ipoacusia e livello di metalli pesanti è stata esaminata in entrambi i sessi: tra gli uomini la percentuale dell’ipoacusia è risultata più alta.; la prevalenza di problemi a bassa e alta frequenza era rispettivamente del 13,9% e 46,7%, molto superiore rispetto alle donne (11,8% e 27%).

Sull’esempio coreano, anche in Cina è stata condotta una simile inchiesta: nel Paese, la perdita dell’udito è il secondo problema di salute non fatale che colpisce la popolazione. Nel tempo, diversi studi hanno associato  l’esposizione a metalli pesanti, come cadmio e piombo, all’ipoacusia. Tuttavia, prima dell’iniziativa condotta nella provincia di Zhejiang, su mille coppie di volontari, al riguardo non esistevano ricerche sulla popolazione cinese. Lo studio ha confermato in pieno l’ipotesi di tossicità, almeno per quanto riguarda il cadmio.