Get Social With Us
Cresce la domanda di apparecchi acustici in UE - Linear Apparecchi acustici
21230
post-template-default,single,single-post,postid-21230,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Cresce la domanda di apparecchi acustici in UE

In Europa, la percentuale di persone con disturbi uditivi che decide di utilizzare apparecchi acustici è in graduale aumento: così ha rilevato una ricerca condotta in Germania, Inghilterra, Francia e Svizzera, che prende in esame migliaia di pazienti, dal 2009 ad oggi. Lo studio è stato svolto da Euro Trak, per conto di EHIMA (European Hearing Instrument Manufacturers Association).

Tra coloro che ammettono di non sentire bene, solamente una parte sceglie di ricorrere agli apparecchi: nel Regno Unito e in Svizzera una percentuale che si aggira intorno al 40%, in Francia e Germania sul 30%.

In Germania in particolare questo numero è passato dal 31,8% del 2009 al 34% del 2012 per salire al 34,9 nel 2015. Nel Regno Unito si è andati dal 38,6% nel 2009, al 42,2% nel 2015 (passando dal 41,1% nel 2012). In Svizzera, la percentuale è salita dal 38,8% nel 2012 a 41,4% nel 2015. Anche in Francia, si è visto un aumento dal 29,8% del 2009, al 30,4% del 2012, fino al 34,1% nel 2015. Secondo l’analisi, sarebbero in netto aumento anche le persone che utilizzano le protesi a entrambe le orecchie: in Germania 75%, Francia 70%, Regno Unito 61%, Svizzera 72%.

All’indagine hanno partecipato tra le 14-15mila persone, rispettivamente in ogni Paese.