Get Social With Us
Delfini nottambuli e fracassoni - Linear Apparecchi acustici
22380
post-template-default,single,single-post,postid-22380,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Delfini nottambuli e fracassoni

Misurare il rumore sul fondo marino e realizzare uno studio di fattibilità per un rivelatore acustico di neutrini: con questo obiettivo la stazione sottomarina ONDE è stata installata nel 2005, a una profondità di 2.100 metri, al largo di Catania. I dati, raccolti per due anni dall’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare, sono serviti a realizzare una ricerca interdisciplinare che ha fornito nuove informazioni sul comportamento dei delfini: i suoni, chiamati “ Click”, emessi da questi cetacei per identificare prede e oggetti attraverso le onde acustiche (eco-localizzazione), sono molto più frequenti la notte rispetto al giorno.

Nelle ore notturne le attività dei delfini sembrerebbero moltiplicarsi, infatti gli animali non possono utilizzare la vista per ottenere informazioni sull’ambiente che li circonda o per cacciare e hanno imparato a sfruttare il suono per svolgere le funzioni predatorie. Dopo il tramonto, plancton, piccoli pesci e cefalopodi migrano verso la superficie, con il conseguente aumento di predazione e di eco-localizzazione da parte dei delfini che di essi si cibano.