Get Social With Us
Come il gallo si difende dalla sveglia - Linear Apparecchi acustici
22746
post-template-default,single,single-post,postid-22746,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Come il gallo si difende dalla sveglia

Il canto del gallo, che nelle campagne scandisce l’alba e il tramonto, può raggiungere il picco di 130-140 debibel; questo significa che ascoltare un gallo da vicino equivale a stare a pochi metri da un jet in fase di decollo… Una voce tanto possente che alcuni studiosi si sono chiesti come mai il pennuto non subisca danni al proprio apparato uditivo…

La spiegazione è stata fornita da uno studio pubblicato recentemente, secondo il quale i galli sarebbero protetti da un meccanismo dell’orecchio interno, grazie al quale non riuscirebbero a sentire, se non in maniera molto soffusa, le proprie potenti emissioni.

Tramite analisi encefaliche della testa, gli studiosi hanno osservato come il canale uditivo dei galli vada letteralmente a chiudersi non appena il becco venga aperto per emettere il verso. Il meccanismo di difesa invece non è presente nell’orecchio delle galline… e nemmeno degli uomini!