Get Social With Us
Normativa e agevolazioni - Linear Apparecchi acustici
22020
page-template-default,page,page-id-22020,page-child,parent-pageid-21982,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
NORMATIVA E AGEVOLAZIONI.

Informazioni e consigli qualificati di professionisti per affrontare l’ipoacusia con maggiore sicurezza.

• Oggetto del messaggio: Il problema della musica nei negozi

Buongiorno a tutti, vorrei sollevare una questione che ritengo sia ormai diventata un allarme sociale di salute, un allarme tanto più grave poi per chi, come tanti di noi, portano un apparecchio acustico.
Mi riferisco all’uso indiscriminato della musica, divenuta ormai colonna sonora obbligata e imposta in tutti i negozi e luoghi pubblici.


È ormai un vero e proprio “diktat” di marketing, prima avevano iniziato le cosiddette “catene”, che tengono tra l’altro un volume altissimo, ora si sono adeguati un po’ tutti, e così non si può più bere un caffé al bar o perfino fare un semplice prelievo allo sportello bancomat senza essere inseguiti da questo incessante rumore di fondo.

Se già da un punto di vista di semplice buon senso trovo aberrante che si venga costretti a vivere imprigionati in una bolla musicale, ancora di più ritengo sia inaccettabile che una persona con un apparecchio acustico non abbia alcuna tutela in questo senso. Per me questa è una vera e propria violenza, tanto che sono arrivata al punto di rinunciare molto spesso ad entrare nei negozi per il fastidio acustico che il rumore incessante mi provoca.

Quello che vorrei sapere è come ci si possa difendere da questa imposizione, non esiste una normativa in proposito? Le persone che hanno problemi di udito come vengono tutelate? Ma soprattutto mi chiedo: possibile che nessuno si renda conto del danno all’udito che possono subire anche le persone “normali”, penso soprattutto ai commessi di questi negozi, che passano 8 ore al giorno in queste condizioni?

Spero possiate rispondermi, credo che se ci mettessimo tutti in rete per protestare e chiedere delle leggi che tutelino la nostra salute le cose potrebbero cambiare in meglio.
Grazie

Risponde lo staff Linear

Siamo pienamente d’accordo con lei.
In merito alla normativa richiesta sull’inquinamento acustico nei locali pubblici, le segnaliamo un interessante articolo al seguente link
Poiché esistono anche leggi a livello regionale e comunale, la normativa sembra essere abbastanza frammentaria e comunque non rispondente alle esigenze specifiche delle persone con apparecchi acustici.


Sarebbe auspicabile che le principali associazioni del settore riuscissero a sensibilizzare gli organi competenti sul disagio e sul rischio di danno acustico dovuti ai decibel a tutto volume che bisogna sorbirsi anche andando a fare la spesa di ogni giorno.