Get Social With Us
Il coccodrillo come fa? - Linear Apparecchi acustici
22606
post-template-default,single,single-post,postid-22606,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Il coccodrillo come fa?

Fare ascoltare la musica di Bach ai coccodrilli del Nilo e studiare la reazione del loro cervello è stato ritenuto un utile passo nell’ambito della ricerca scientifica, per capire l’evoluzione del sistema nervoso degli animali. Obiettivo del team di studiosi provenienti da Iran, Sudafrica, Francia e Germania, osservare tramite risonanza magnetica funzionale l’attività cerebrale dei rettili. Il coccodrillo rappresenta una delle specie più antiche tra i vertebrati: considerato una sorta di fossile vivente, è sopravvissuto alla scomparsa dei dinosauri, 65 milioni di anni fa, rappresentando un collegamento vivente tra i grandi rettili del passato e gli attuali uccelli. Il segreto della resistenza di questa specie risiede nella straordinaria fisiologia: creati per sopravvivere alle condizioni climatiche e ambientali più estreme, i coccodrilli sono infallibili cacciatori, anche grazie a un senso dell’udito finissimo.

Alla guida del gruppo di ricerca internazionale il dott. Felix Ströckens del Dipartimento di Biopsicologia della Ruhr-Universität (a Bochum, Germania).

I risultati sono stati pubblicati sulla rivista “Proceedings of the Royal Society B: Biological Sciences” il 25 aprile 2018.