Get Social With Us
La vocalità degli animali nata col buio - Linear Apparecchi acustici
23147
post-template-default,single,single-post,postid-23147,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

La vocalità degli animali nata col buio

I primi vertebrati non avevano la capacità di vocalizzare. Questa capacità si è sviluppata fra 100 e 200 milioni di anni fa come adattamento alla vita notturna. E’ la tesi sostenuta da un team di ricercatori dell’Università dell’Arizona e dell’Università normale della Cina di Henan. La ricerca, pubblicata sulla rivista “Nature Communications”, ha preso in considerazione l’evoluzione di 1.800 specie per dimostrare che la capacità di emettere suoni è legata alla loro vita notturna. I ricercatori sostengono anche che, una volta acquisita, questa capacità, che ha permesso di inviare messaggi in assenza del contatto visivo, non ha comportato svantaggi neanche durante il giorno. Per questo, molte specie che con l’evoluzione hanno smesso di avere un’attività notturna, hanno continuato a emettere suoni anche con la luce del sole.

“Abbiamo esempi di comunicazione acustica – spiega John J. Wiens dell’Università dell’Arizona – mantenuti in gruppi di rane e mammiferi che sono diventati diurni, anche se sia le rane che i mammiferi hanno iniziato a essere attivi di notte centinaia di milioni di anni fa“.