Get Social With Us
Linee guida OMS all'ascolto - Linear Apparecchi acustici
23697
post-template-default,single,single-post,postid-23697,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Linee guida OMS all’ascolto

Per vivere nelle condizioni ideali, dove nessuno corra il rischio di perdere l’udito a causa dei danni provocati da un ascolto senza regole, l’Organizzazione Mondiale della Sanità si è impegnata a dirimere le linee guida base. Per questo ha costituito un gruppo di ricerca (si chiama “Make Listening Safe”), che ha individuato alcuni standard di sicurezza, riguardanti le condizioni acustiche negli ambienti di lavoro e l’utilizzo degli amplificatori personali (molto diffusi nel tempo libero). Secondo i dati pubblicati dall’OMS, sarrebbe ormai assodato che un’esposizione media a 85 decibel per 8 ore al giorno corrisponde a danni irreparabili, cioè a una perdita irreversibile dell’udito. Per questo diventa importante avere a disposizione protezioni acustiche sul lavoro e amplificatori personali che abbiano limitazioni precise; tra queste la App in grado di misurare le ore di esposizione settimanale, già disponibile su iPhone e che si spera venga estesa anche agli altri tipi di smartpone e cuffie.

Nel mondo, il 16% della perdita uditiva disabilitante negli adulti è attribuita al rumore sul lavoro; inoltre più di 1 miliardo di adolescenti e giovani adulti sarebbero a rischio di danni irreparabili all’udito, provocati dall’uso non corretto di dispositivi audio. In tutto il mondo ci sono 466 milioni di persone con ipoacusia disabilitante (6,1% della popolazione).