Get Social With Us
Sordità in età adulta: una soluzione
22462
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-22462,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
MAMMA DI F.: “MIO FIGLIO HA CAPITO SUBITO LE VOCI, È PIÙ RILASSATO”

A mio figlio venne diagnosticata una sordità grave-profonda quando aveva un anno e mezzo”. Lo racconta la mamma che ben presto si accorse che il figlio aveva qualche problema a causa delle differenze di comportamento che riscontrava in lui, a confronto con il fratello gemello.

Gli vennero messe le protesi retroauricolari e iniziò a fare logopedia fino all’età di11 anni. Quando andava all’asilo, aveva l’apparecchio con il filo e la scatola ed era nervoso.
E nervoso è stato fin quando, attraverso un amico, è venuto a conoscenza della Linear.

Il cambiamento dalle protesi retroauricolari a quelle endoauricolari è stato determinante anche sul suo stato d’animo: con le altre protesi sentiva troppo forte, disturbato. Appena messe le nuove protesi, è stato come un sogno: ha capito subito bene le voci. In ambienti rumorosi come quello del lavoro permangono delle difficoltà, ma in generale è diventato più rilassato e preciso. E ama molto la musica…