Get Social With Us
Il pianoforte entra in sala operatoria - Linear Apparecchi acustici
23928
post-template-default,single,single-post,postid-23928,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Il pianoforte entra in sala operatoria

Il biologo e musicista Emiliano Toso ha riaccordato il proprio pianoforte su frequenze particolari per poter entrare in sala operatoria a accompagnare e rilassare lo staff medico e il paziente. L’iniziativa, prima al mondo nel suo genere, è stata voluta dal neurochirurgo Roberto Trignani, dell’ospedale Salesi di Ancona. Le musiche di Toso erano già state utilizzate negli ospedali e Trignani ha proposto al pianista di accompagnarlo dal vivo durante l’operazione a un bambino di dieci anni. Lo strumento è stato accordato con la nota la centrale (terza ottava) a 432 hertz, a differenza di quelli da concerto che sono accordati a 440 hertz. «L’accordatura a 432 hertz – ha spiegato Toso al “Corriere della Sera” – produce suoni più in armonia con le cellule, parla la stesso linguaggio del nostro corpo, della natura». Durante l’operazione verranno misurate le reazioni biochimiche del piccolo paziente allo stimolo musicale.