Get Social With Us
I rumori dei fumetti cambiano nel mondo - Linear Apparecchi acustici
22511
post-template-default,single,single-post,postid-22511,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

I rumori dei fumetti cambiano nel mondo

Paese che vai, rumore diverso fanno i baci, ma non solo!

I fumetti italiani suggeriscono “Smack”, ma a quanto pare la risposta cambia (e parecchio) da nazione a nazione: ad esempio in Inghilterra è “Mwah”, in Giappone “Chu” e in Estonia “Mopsti”.

Il designer inglese James Chapman ha avuto l’idea di rappresentare il mondo nei fumetti, attraverso la differente interpretazione dei rumori. Come lo schiocco del bacio viene percepito e comunicato in maniere differenti, così il suono degli applausi, di un telefono o di chi semplicemente si addormenta… Anche i versi degli animali vengono percepiti diversamente a seconda dei Paesi: se in Italia i cani fanno “Bau!”, in Russia “Gav gav” e in Francia “Ouaf ouaf”.

Un universo di suoni che cambiano a seconda delle culture e delle coordinate geografiche, raccolto dall’autore nel volume “Soundimals”.