Get Social With Us
Senti poco? Attenzione ai bulli in classe - Linear Apparecchi acustici
22656
post-template-default,single,single-post,postid-22656,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Senti poco? Attenzione ai bulli in classe

Una ricerca americana su gruppi di bambini (7-11 anni) e adolescenti (12-18 anni) affetti da perdita uditiva ha voluto esaminare i problemi relazionali a scuola dei giovanissimi ipoudenti, a confronto con quelli dei ragazzi normoudenti. Lo studio è stato condotto presso l’Università di Dallas negli Stati Uniti (School of Behavioral and Brain Sciences), dove è stato pubblicato il 20 febbraio 2018, su “Sage journals”.

Dall’indagine sono scaturiti dati proccupanti: tra gli adolescenti con problemi uditivi, il rischio di finire vittime di bullismo in classe è quasi il doppio rispetto ai coetanei che non presentano danni all’udito (50% contro 28%). Nei bambini la problematica è meno grave ma comunque presente (38,7% dei piccoli ipoudenti hanno subito episodi di bullismo contro il 33% dei normoudenti).

“In adolescenza basta poco per sentirsi emarginati -ha sottolineato il dott. Andrea Warner-Czyz, che ha diretto l’indagine- talvolta è sufficiente non comprendere un gioco di parole o altri spunti che riguardano l’umorismo del gruppo. Spesso i giovani esaminati non capivano nemmeno i motivi per cui erano finiti a fare le vittime (il 45%).”