Get Social With Us
Sordità in età adulta: una soluzione
20411
page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,page,page-id-20411,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive
GIULIANA, 62 ANNI: “HO PERSO L’UDITO DA ADULTA, MA VADO AI CONCERTI”

storie_02“Sono una nonna felice con molti interessi, che ha perso l’udito gradualmente in età adulta, come altri in famiglia. La perdita si è assestata intorno ai 50 dB.
La spinta ad affrontare il problema?  Dopo una vacanza con amici: quando parlavano con voce bassa e per me ogni discorso diventava incomprensibile!

Un’amica mi ha parlato di Linear, così sono andata a Genova. Mi è piaciuto tantissimo il primo colloquio, per la professionalità e la capacità di ascolto dei tecnici. MI hanno aiutato a considerare la mia ipoacusia come un problema che si può affrontare.

Grazie agli apparecchi acustici, la mia vita è molto migliorata, in particolare la comunicazione con i figli, il marito e gli amici. Vado spesso ai concerti, ho riconquistato la pienezza dei suoni, anche grazie a un accorgimento tecnico sugli apparecchi: premendo un piccolo pulsante, le basse frequenze vengono ulteriormente amplificate.”

 

L’ASL mette a disposizione agevolazioni per l’acquisto dell’apparecchio acustico a seconda del grado di ipoacusia.