Get Social With Us
Un rumore da brividi - Linear Apparecchi acustici
22628
post-template-default,single,single-post,postid-22628,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Un rumore da brividi

Prechè il rumore delle unghie sulla lavagna ci fa rabbrividire? Anche solo il ricordo di questo gesto è capace di provocare in noi un’emozione negativa.

Un gruppo di scienziati tedeschi e spagnoli (Università di Konstanz e Madrid) hano cercato di fornire una risposta; la ricerca è stata pubblicata su “Frontiers in Psychology” (3 Febbraio 2017). Gli studiosi hanno battezzato questa emozione “grima”, parola che in spagnolo equivale più o meno a “ribrezzo” in italiano.

Non si tratta di misofonia (l’odio per alcuni suoni); si suppone invece che la repulsione dipenda dalla frequenza del suono stesso, che si colloca in un intervallo tra i 2.000 e i 5.000 Hz, uno spettro acustico a cui il nostro orecchio è particolarmente sensibile e che riesce a stimolare l’amigdala, la parte del cervello collegata alle sensazioni di paura (a quella stessa frequenza il grido di allarme degli scimpanzé). L’ipotesi per spiegare la profonda intolleranza ad alcuni rumori è che nella nostra testa sia rimasta traccia dell’antico segnale d’allarme dei nostri antenati e, con esso, dei pericoli associati.