Get Social With Us
La lingua dei Neanderthal - Linear Apparecchi acustici
24231
post-template-default,single,single-post,postid-24231,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

La lingua dei Neanderthal

Gli uomini di Neanderthal avevano sviluppato un sistema uditivo simile a quello degli uomini moderni e questo dimostra, secondo alcuni ricercatori dell’Università spagnola di Alcalà, guidati da Mercedes Conde-Valverde, che avevano la capacità di comunicare fra loro con il linguaggio verbale. Insomma, si può ipotizzare che siano esistite una o più lingue di Neanderthal e magari anche una letteratura orale, visto che gli uomini di Neanderthal avevano sviluppato un senso religioso, usavano gioielli per adornarsi e dipingevano sulle pareti delle grotte.
La scoperta sul sistema uditivo dei Neanderthal è partita vent’anni fa da un’intuizione del ricercatore Ignacio Martin, collaboratore di Conde-Valverde, che, visti i fallimenti nel cercare di capire se i Neanderthal parlassero partendo dai fossili dell’apparato vocale, decise di concentrarsi sulle potenzialità dell’apparato uditivo, scoprendo che questo era diverso da quello degli ominidi più antichi e già simile a quello dell’homo sapiens sapiens. La prova paleontologica conferma quanto si sospettava dopo la scoperta genetica che i Neanderthal erano portatori del gene Foxp2, che viene ritenuto correlato alle capacità linguistiche dell’uomo.

Tags: