Get Social With Us
Se i pesci non sentono più - Linear Apparecchi acustici
24167
post-template-default,single,single-post,postid-24167,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,vertical_menu_enabled,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.6,wpb-js-composer js-comp-ver-5.1.1,vc_responsive

Se i pesci non sentono più

Le larve dei pesci pagliaccio vanno alla deriva nell’oceano assieme al plancton, allontanandosi dalla barriera corallina dove sono state deposte. Quando la larva si trasforma in pesce e diventa capace di nuotare, il pesce pagliaccio deve quindi ritrovare la strada di casa. Per aiutarlo, la natura lo ha dotato della capacità di sentire il rumore dell’acqua che gorgoglia all’interno della barriera corallina. In questo modo è in grado di tornare da dove erano partite le larve e di riprendere il ciclo della vita. Gli studi degli scienziati hanno dimostrato che la presenza di inquinamento acustico generato dall’uomo confonde i pesci che non riescono più a trovare la direzione giusta e si perdono negli oceani. Queste e altre informazioni sono state raccolte da un’equipe guidata da Carlos Duarte, che ha pubblicato sulla rivista “Science” il più grande studio in materia di inquinamento acustico dei mari mai pubblicato. Lo studio ha visto la partecipazione di 25 scienziati di tutto il mondo che hanno condiviso le proprie ricerche di bioacustica e che hanno analizzato una letteratura scientifica di oltre 10 mila pubblicazioni degli ultimi anni.